giovedì 31 gennaio 2013

Lezione di volo


15 commenti:

IllaT ha detto...

che forza. mi sembra sempre di sentir parlare i personaggi che dipingi. specialmente in queste tue ultime ill.!

simone rea ha detto...

Grazie Ilaria,
Sai è un momento difficile dove idee nuove e tecniche
si sovrappongono. Ci saranno dei cambiamento?
Di sicuro, ma non so quando accadrà..è tutto in movimento, una vibrazione continua.
Quindi sono molto, ma molto contento che questa tavola ti stimoli.
A presto,
Simone

massimiliano di lauro ha detto...

davvero bellissima
complimenti

simone rea ha detto...

Grazie Massimiliano.
Sono molto contento che ti piaccia.
Mi è venuta in mente mentre disegnavo altro. Ho dovuto smettere e non mi è bastato buttare giù lo schizzo.
MI sono alzato dalla sedia quando ho finito di colorarlo.
Grazie ancora,
Simone

massimiliano di lauro ha detto...

ah be, beato te che ti vengono così...
bellissimi i colori
e poi adoro il personaggio a sinistra

simone rea ha detto...

Non funziona mica sempre così:). Ma quando capita non posso oppormi.

massimiliano di lauro ha detto...

ah ah
e certo, ci mancherebbe altro...

eli ha detto...

Mi piacciono molto le ultime illustrazioni!
E questa bimba curiosa dalle calzette rosse? cosa racconterà?

simone rea ha detto...

A non lo so proprio Eli!
Forse lei sa già volare mentre la papera in realtà non sa cosa significa alzarsi in volo..
:)
Ma è meglio lasciarlo decidere a voi osservatori.
Mi ispirate molto con certe vostre osservazioni.
Grazie mille,
Simone

simona ha detto...

Secondo me è la papera che le sta svelando un segreto,probabilmente proprio imparare a volare.
Bella come sempre

simone rea ha detto...

Magari si, semplicemente un consiglio, una rivelazione. Perché no!
Grazie Simona per il contributo.
A presto,
Simone

giacomo ha detto...

Ciao Simone, complimenti. A me colpisce l'aspetto della bambina. E' formata da quattro forme semplici che, messe in relazione fra loro, formano una posa naturale. Io riesco a vedere le mani anche se non ci sono!

simone rea ha detto...

Grazie Giacomo per l'osservazione.
Una delle difficoltà che si incontrano durante la realizzazione di un immagine è capire quando fermarsi. Non sempre è facile, ma certe volte è spontaneo.
Ti dico questo perché le mani e le braccia della bambina li avevo perfettamente in mente ma qualcosa mi ha fermato. Sicuramente la forma a campana dell'abito ma forse anche l'equilibrio cromatico che si stava creando tra le macchie di colore.
Grazie ancora,
Simone

giacomo ha detto...

Ora che l'hai detto, mi fai pensare alla forma a campana degli abiti che creano un movimento a pendolo dall'una all'altra. Non è semplice costruire immagini semplici come questa.

simone rea ha detto...

Diciamo che non é facile ma grazie ai colori quello che potrebbe sembrare "senza"
equilibrio si può correggere con dei contrasti o con l'aggiunta di forme colorate